Binge watching: quelle serie TV che non ci fanno dormire

L’enorme successo delle serie TV unito alla libertà di scelta concessa del web ha creato negli ultimi anni un nuovo modo di essere spettatori. Sempre disponibili on-line, fruibili su televisori, tablet e pc, le serie hanno cambiato le nostre abitudini, anche quelle legate al riposo! Ecco allora qualche consiglio per non lasciarsi travolgere dal binge watching.

Cos’è il binge watching?

Il termine “binge watching” indica la visione senza sosta (letteralmente una “scorpacciata”) di numerosi episodi di una serie tv. Questo termine, da diversi anni diffuso oltreoceano, si sta lentamente diffondendo anche in Italia, sull’onda delle diverse piattaforme che offrono all’utente la possibilità di creare il proprio palinsesto e la libertà di guardare e riguardare stagioni e serie complete, episodio dopo episodio.

Le notti passate con la faccia incollata allo schermo

Insomma, le serie TV non sono più quelle di una volta. Oggi infatti queste produzioni vengono distribuite e strutturate in modo da tenere incollato lo spettatore, specie tra un episodio e l’altro. Alla trama autoconclusiva degli episodi delle vecchie serie, oggi si preferisce costruire la serie come fosse un lungo film di 15-20 ore, suddiviso in puntate.

L’idea è quelle di creare finali di puntata sospesi e intriganti che costringono lo spettatore a guardare l’episodio successivo. Inoltre, le puntate sono spesso disponibili in blocco e nello stesso momento, a differenza della cadenza periodica tipica dei palinsesti televisivi.

I pericoli del binge watching

Come molte pratiche, il binge watching non è pericoloso in sé, ma se protratto può avere delle conseguenze, specie sui più giovani, principali spettatori delle serie. Passare una nottata a guardare tutti gli episodi della nostra serie preferita non è la fine del mondo, ma se le serie preferite sono tante e se le notti in bianco aumentano, allora la situazione cambia…

Vissuto in questo modo il binge watching può provocare danni alla nostra salute, inducendo il nostro organismo a una vita sedentaria, poco attiva e sregolata. Un effetto tipico è appunto quello dei disturbi del sonno.

Disturbi del sonno e binge watching

Un recente studio compiuto negli USA ha rilevato che quasi tre quarti del pubblico americano pratica binge watching e i più giovani affermano di trascorrere più della metà del tempo di visione davanti a uno schermo diverso da quello del televisore.

Come abbiamo già ricordato più volte, il bagliore degli schermi (di Tv, Tablet e Pc) è percepito dal nostro cervello come luce diurna. Senza contare l’eccitazione trasmessa da queste serie, con continui colpi di scena, misteri, momenti di tensione. In altre parole fare binge watching notturno fa sì che il nostro organismo non riesca ad entrare mai in una fase di rilassamento e quindi nemmeno di riposo.

Come sempre è questione di equilibrio e buon senso. Per gli irriducibili ecco 5 suggerimenti per trovare il giusto compromesso tra binge watching e sano riposo.

1. Filtra la luce blu dello schermo per dormire meglio

La luce blu (che proviene dagli schermi di TV, computer, tablet e smartphone) è la più influente sul nostro ciclo circadiano e porta il nostro corpo a sospendere la produzione di melatonina, sostanza che induce il sonno. Quindi può alterare significativamente il nostro riposo.

Tuttavia esistono alcuni programmi per sistemi operativi che permettono di “spegnere” la luce blu. Ciò creerà un effetto giallognolo sullo schermo, distorcendo quindi i suoi colori, ma attenuerà gli effetti negativi dovuti all’esposizione.

2. Programma la tua serata

Stabilisci un limite di episodi da guardare ogni sera, oltre il quale sarà proibitissimo andare. Tre o quattro episodi massimo e poi si spengono le luci. Categorico!

3. Non farti tentare, ma poniti dei limiti inderogabili

Se possibile, scarica solo gli episodi che prevedi di guardare e poi spegni il WiFi sul tuo dispositivo, in modo da non indugiare troppo facilmente sul successivo. Se la piattaforma che utilizzi dispone della riproduzione automatica, bloccala! In questo modo sarai meno tentato.

4. Scegli con attenzione il luogo giusto

Il letto è forse il luogo preferito per consumare le puntate delle nostre serie Tv del cuore. Anche in questo caso è questione di buon senso, guardare un paio di episodi a fine giornata può essere molto piacevole, ma è bene ricordare che il letto deve essere prima di tutto un luogo dove rilassarsi e dormire.

Per questo è consigliabile alternare la scelta del letto a quella del divano o, per i veri dipendenti da serie, a una seduta che non permetta di stare troppo a lungo davanti allo schermo.

5. Scegli il momento giusto per fermare la visione

Come abbiamo detto le nuove serie sono strutturate in modo da creare momenti di tensione e curiosità alla fine di ogni episodio. Beh, per riuscire a spegnere tutto, senza morderti le labbra, scegli un punto poco interessante e monotono, che non sia per forza alla fine di un episodio, in questo modo sarà più facile spegnere la luce e dedicarti al sonno.

Tags
Condividi